Chi

Radure.net, a cura di

Roberta Borghesi – Mi occupo di comunicazione e territorio, autoproduzioni artigiane e agroecologia. Dopo percorsi di ricerca all’università lascio il mondo accademico, ma non smetto di cercare. Vivo sull’Appennino bolognese, dove mi divido tra il lavoro da freelance e la vita di campagna.
Abito a metà strada tra la teoria e le pratiche, tra la razionalità e l’immaginazione.
Tra le ultime avventure sono tra le autrici del libro Genuino Clandestino, edito da AAM Terra Nuova.
Prendi questo sentiero se vuoi proseguire un altro po’ sui miei pensieri e passi e segui le tracce per leggere alcune cose che ho scritto.

 

SimoneFrabboni.jpgCollaboro nell’attività di design indipendente di Simone Frabboni, compagno di cammini.
Radure anche perché il legno e gli alberi sono il nostro filo conduttore.

Perché un blog? Per comunicare, raccontare, tessere, disegnare. ma anche per filtrare, manipolare, gestire attivamente l’informazione quotidianamente pronta a travolgerci. Lasciare un segno per sé che possa essere utile e – soprattutto – piacevole anche per altr?. .

Altre storie – contributi amici

Radure nasce come idea personale, ma è aperta e si sta muovendo verso la sua naturale forma: plurale.
Chiunque si senta a casa qui è invitat@ a mandare contributi da pubblicare, insieme a una breve presentazione come autrice o autore.

Stefano Belacchi, Quando nevica d’estate
Eleonora Mariotti, La filiera del tessile: sai cosa ti metti addosso?
Michela Potito, I due forni
Paola Pomilio, Un racconto di neve dall’Abruzzo

Photo Credits: Simone Frabboni.